‘ 1600-1700’

La Russia tra 600 e 700

La dinastia dei Romanov, salita al trono nel 1613, tentò di consolidare il potere degli zar, termine che in Russia indicava l’imperatore. Fu riorganizzata il sistema fiscale, giudiziario e amministrativom fu rafforzato l’eserciti e la Chiesa ortodossa venne sempre più sottomessa agli zar. Lo sviluppo dell’assolutismo toccò il suo culmine tra la fine del ‘600 e l’inizio del ‘700 con Pietro I il Grande, che usò l’ampio potere raggiunto per fare della Russia uno stato in gradi di competere con il resto d’Europa. La plurisecolare dinastia dei ...

La rivoluzione inglese

Nel 1603 a Elisabetta I Tudor, che non lasciava eredi diretti, succedette sul trono il suo parente più prossimo, Giacomo I Stuart, che era già re di Scozia. Per la prima volta furono così unificate la corona inglese e quella scozzese. A partire dal regno di Carlo I Stuart (1625-49), la monarchia cercò di accentrare tutto il potere, abolendo i poteri del parlamento. Questo organo, creato dalla nobiltà durante il Medioevo per imporre un controllo sull’operato del re, era composto dalla Camera dei Lords (alta aristocrazia, nominato dal re) e dalla Camera dei Comuni (basso clero, p...

Il dominio europeo tra 1600 e 1700

Se il Portogallo e la Spagna fondarono un impero coloniale fin dall’inizio del XVI secolo, altri Stati europei intrapesero una politica coloniale verso la fine dei XVI e nel corso del XVII secolo.
L’Olanda, contrariamente a gran parte dell’Europa che nel Seicento fu investita da una grave crisi economica, all’epoca conobbe anzi uno straordinario sviluppo nel settore manifatturiero e in quello dei commerci, sostituendosi ai Paesi che, fino ad allora, avevano avuto un rolo in tali attività : le Fiandre, le città tedesche dell’Hansa, il Portogallo e Venez...

Danimarca e Svezia tra 600 e 700

La posizione della Svezia nella Scandinavia e nel Baltico uscì notevolmente rafforzata dalla pace di Vestfalia che le consentì di aggiungere ai domini già precedentemente acquisiti dalla corona svedese, nuovi territori a occidente (Pomeriana, Brema, Verden, Wismar), raggiungendo una popolazione solo per metà svedese. Nel 1645, con la pace di Bronsebro, la Danimarca aveva dovuto cedere alla Svezia le isole baltiche di Gotland e Saarema, nonchè lo Jutland, Hariedalen e Hallan.
Cristina riuscì a far riconoscere il cugino Carlo Gustavo come suo successore e nel 1650 come suo erede...