‘ filosofia’

I sofisti: Protagora e Gorgia

I Sofisti, sfiduciati dai risultati della filosofia presocratica, concludono allo scetticismo: non esiste una verità oggettiva, in cui tutti debbano credere, ma il verisimile (“eikós”): « è vero ciò che mi pare ».
Essi esercitano per lo più la dialettica non per uno scopo seriamente, speculativo, ma pratico: pronti a sostenere le tesi più opposte per acquistarsi onore e ricchezze.
I Sofisti, per quanto tendano a corrodere e a distruggere in ogni campo del pensiero e della vita (politica, religione, moralità, ecc.), rappresentano anc...

Tommaso Campanella

Tommaso Campanella (1568-1639), nato a Stilo in Calabria, fu con Giordano Bruno il più grande filosofo del Rinascimento.
Compì i suoi studi nell’Accademia Cosentina, ove ap­prese con entusiasmo il naturalismo di Telesio; apparten­ne come Bruno all’Ordine domenicano, ma, accusato di cospirare contro il governo spagnolo, fu detenuto per ben 27 anni in carcere, ove scrisse la maggior parte delle sue opere.
Uscito dal carcere nel 1626, riparò in Francia, ove ri­cevette aiuti dal Richelieu, e morì a Napoli.
Scrisse il De sensu rerum, la ...

Bernardino Telesio

Bernardino Telesio (1500-1588), nato a Cosenza (ove fondò un’Accademia per lo studio delle scienze naturali), detto da Bacone «il primo degli uomini nuovi», rompe con Aristotele e con la Scolastica in modo radicale e rivoluzionario, elaborando il primo sistema rigorosamente naturalistico.
Ciò è palese nel titolo stesso della sua opera maggiore, De rerum natura iuxta propria principia, cioè studio del­la natura secondo principi ricavati dalla natura medesi­ma, indipendentemente da ogni autorità o forza sopran­naturale ed occulta.

<...

Nicolò Copernico

Nicolò Copernico (1473-1543), na­to a Thorn, in Polonia, è il famoso sostenitore del siste­ma eliocentrico, che venne ad eliminare il contrasto aristotelico tra regione celeste e regione terrena.
Scrisse il De revolutionibus orbium caelestium, con de­dica al pontefice Paolo III; la prima copia stampata gli fu recata sul letto di morte.

Pensiero

  1. Per giungere alla sua riforma, Copernico parte da due principi fondamentali.
    Uno è quello aristotelico-scolastico della semplicità della natura, in base al quale egli...

Leonardo Da Vinci

Leonardo da Vinci (1452-1519), uno dei massimi ingegni che siano mai esi­stiti, fu il primo grande filosofo e scienziato naturalista.

Pensiero

  1. Leonardo, come filosofo, non scrisse di proposito dei trattati filosofici, ma nei suoi numerosi scritti si trovano sparsi dei pensieri filosofici, che, riuniti insieme, costituiscono un vero e proprio sistema.
  2. Egli disprezza il pregiudizio umanistico che vedeva nell’antichità classica la base della speculazione filosofi­ca, e afferma che solo l’esperienza è la r...

Guglielmo di Ockham (Occam)

G. di Occam (1280-­1347), anch’egli inglese e francescano, fu soprannominato il Doctor Invincibilis.
La sua vita fu tutta una lotta contro il papato e la scolastica: prese parte alle lotte politico-religiose del suo tempo, sostenendo ardentemente le pretese antipapali di Filippo il Bello e Lodovico il Bavaro, e propugnando l’indipendenza dello Stato dalla Chiesa (cfr. poi Rinasci­mento e Machiavelli).

Pensiero

L’Occam non fa che portare alle sue estre­me conseguenze il pensiero del Maestro.
Nei rapporti tra fede e ragione, egli giung...

Stuart Mill

Stuart Mill (1806-1873) fu un precoce ammiratore del Bentham e un discepolo del Comte.
Scrisse un Sistema di logica induttiva e deduttiva (1843), L’utilitarismo (1863), ecc.
Mill, partendo dal principio che l’associazione è il fenomeno fondamentale che spiega tutti i fenomeni della nostra vita psichica, afferma che il mondo esterno non è che una semplice possibilità di sensazioni associate le une alle altre, e l’io un semplice gruppo di stati di coscienza, per cui ogni distinzione fra il mondo e l’io, fra la materia e...

San Tommaso d’Aquino

Vita e opere

S. Tommaso, soprannominato il Dottor Angelicus per l’acutezza della mente non meno
che per la santità dei costumi, fu il più grande rappresentante della Scuola domenicana e di tutta la filosofia scolastica.
Nacque nel Castello di Roccasecca, presso Aquino, nel Regno di Napoli, da nobilissima famiglia, circa il 1225.
Ebbe la sua prima educazione nel vicino monastero di Monticassino, e poi all’Università di Napoli.
Entrato ancora giovane nell’ordine domenicano, fu inviato a studiare a Parigi, e poi a...

Sant’ Anselmo d’Aosta

Vita e opere

S. Anselmo d’Aosta (1033-1109), vescovo di Canterbury, soprannominato, per la sua calda religiosità e l’altezza dell’ingegno, Agostino redivivo, fu il più importante pensatore della Scolastica in questo periodo.
Scrisse molte opere, tra cui più importanti il Monologium (o soliloquio), il Proslogium (o discorso dell’a­nima a Dio), il De veritate, il De libero arbitrio, il De fide Trinitatis (contro Roscellino), il Cur Deus homo? ecc.

Pensiero

S. Anse...

Charles Darwin

Carlo Darwin (1805-1882) è il celebre ideatore della teoria dell’evoluzione.
Scrisse l’Origine delle specie per selezione naturale (1859); Le variazioni degli animali e delle piante (1868), ecc.
Darwin afferma che le specie superiori, in base al principio della selezione naturale (che gli venne suggerito dalla selezione artificiale praticata dagli allevatori per il miglioramento delle specie animali), derivano per evoluzione dalle specie inferiori.
La selezione naturale si basa su alcuni prin...