Crispi: riforma interna e colonialismo

Per Crispi, un modello da imitare era Bismark: egli ai valori risorgimentali aggiunge il conservatorismo e il nazionalismo. I punti cardine della sua riforma furono la nascita del nuovo Codice Penale e l’abolizione della pena di morte.
Tra le varie leggi che fece, sono da ricordare: La nuova legge comunale e provinciale, che comprendeva l’elettività del sindaco.

Il nuovo codice penale che prevedeva l’abolizione della pena di morte e maggiori garanzie per i lavoratori (libertà di associazione, pensiero, sciopero).

L’inasprimento dei rapporti con la Chiesa e il conflitto doganale con la Francia.

Per tentare di risolvere i problemi relativi alla povertà nel mezzogiorno, riprende l’attività coloniale e firma il trattato di Uccialli con Menelik, in base al quale era riconosciuto il controllo italiano in Eritrea ed un ambiguo protettorato sull’Etiopia.

A causa della crisi economica cade Crispi e sale Giolitti (1892).
A sud intanto, prendono corpo i fasci dei lavoratori, che chiedevano un contratto di lavoro e una soluzione riguardante la questione dello zolfo siciliano, invenduto appannaggio di quello americano. Giolitti non interviene, neanche quando la situazione degenera in guerriglia.
A contribuire al suo declino interviene lo scandalo della Banca Romana, anche se in realtà anche Crispi ne fu colpevole. Travolto dallo scandalo, Giolitti si dimette e nel frattempo nasceva la Banca d’Italia.
Crispi tornò al governo con fare autoritario: represse nel sangue rivolte in Sicilia, tolse il diritto di voto a 800.000 persone e si attirò perplessità sul suo operato.
L’ambiguità del trattato con Menelik fece scoppiare una guerra

Tags: