Il crollo degli imperi centrali

Alla fine del 1916 si era venuta a creare una situazione di stallo tra le potenze belligeranti. Si pensò che la pace fosse vicina. La fine del conflitto aveva come principale punto di riferimento gli Stati Uniti ed il loro presidente. Proprio alla fine dello stesso anno il governo tedesco propose delle condizioni di pace miranti all’acquisizione di territori a est e ad ovest. Ma queste condizioni erano ben lontane da quelle che avrebbero voluto le potenze dell’intesa.
L’imperatore austriaco offrì alla Germania parte dei suoi territori polacchi se quest’ultima in cambio avesse ceduto in caso di pace l’Alsazia e la Lorena alla Francia. L’Italia si oppose a quest’accordo perché non avrebbe visto riconosciuto il principio di autodeterminazione per la sua terre irredente.
Le speranze di pace si affievolirono e ben presto ripresero le ostilità. La Germania avviò una guerra sottomarina contro l’Inghilterra pensando che questa entro sei mesi non sarebbe stata in grado di provvedere al suo approvvigionamento a causa dei danni inferti al suo sistemi di trasponi dai potentissimi sottomarini e gli Usa non sarebbero entrati in guerra prima di un anno. Tutto ciò non fu vero infatti l’Inghilterra in breve tempo si riprese dalla crisi e gli Usa dopo l’affondamento del loro mercantile Vigilantia il 2 aprile 1917 decisero di entrare in guerra.
Contemporaneamente usciva di scena a causa delle rivolte sociali la Russia.
Il Pontefice Benedetto XV chiedeva invano una pace senza vincitori ne vinti ma la volontà di vincere delle potenze dopo tutti gli sforzi sopportati era troppa Così a metà del 1917 si ebbe una ripresa del conflitto sul fronte orientale e su quello italiano.
Gli imperi centrali grazie alla ritirata degli eserciti Russi potettero occupare la Polonia e parte delle regioni Baltiche. Contemporaneamente fu predisposta una controffensiva in Italia. Le truppe italiane erano ancora predisposte in assetto da attacco e a causa di errori tattici ed organizzativi a Caporetto, dopo che l’esercito austriaco era stato rinforzato da alcune divisioni tedesche, si ebbe una grave sconfitta. L’esercito austriaco penetrò in Italia per oltre 200. Questo fu uno dei momenti più drammatici della storia italiana e parve quasi che la stessa unità fosse in pericolo.
Al posto di Boselli sali al governo Orlando il quale era maggiormente appoggiato e sostituì Cadorna con Armando Diaz affermando che più terribile di una guerra è una guerra perduta.
Nel 1918 il Presidente degli Stati Uniti pubblicò i 14 punti nei quali fissava le condizioni che avrebbero dovuto regolare i rapporti tra le nazioni alla fine del conflitto, In base al principio di nazionalità e autodeterminazione dei popoli si doveva ridisegnare l’Europa. Doveva essere una pace nuova; non doveva mirare all’espansionismo delle potenze vincitrici ma doveva garantire il rispetto del principio di nazionalità.
La pace di BREST-LITOVSY conclusa con gli imperi centrali nel l918 obbligava l’ex impero zarista alla cessione della Polonia, dell’Estonia, della Lettonia, della Lituania e al riconoscimento dell’indipendenza Ucraina.
Ormai tranquilli sul fronte orientale i tedeschi fecero affluire truppe sul suolo francese riprendendo una tattica simile a quella utilizzata all’inizio del conflitto in breve tempo si riportarono sulla linea della Marna. Lo sfondamento che avevano fatto nelle barriere francesi non era stato di grande importanza e cosi gli Inglesi e i Francesi uniti gli eserciti contrattaccarono vincendo nella battaglia di Amiens.
Il fallimento tedesco seguito dall’insuccesso austriaco nel tentativo di sfondare la linea italiana del Piave, lasciava prevedere la sconfitta degli imperi centrali.
Nel tentativo di raggiungere una pace non troppo disastrosa, Guglielmo il nominò cancelliere il democratico Baden il quale cercò cerco di trasformare la Germania da monarchico-mititare a liberal-democratica. Sulla questione decisiva dell’abdicazione del re, però, incontrò la secca opposizione del Kaiser e degli ambienti militari in genere.
Seguirono una serie di rivolte ed ammutinamenti che portarono l’11 novembre 1918 alla firma dell’armistizio.
Lo sfaldamento dell’esercito austriaco determinò anche la fine dell’impero asburgico. La Cecoslovacchia si proclamò indipendente, fu formato lo stato Yugoslavo e si formarono governi provvisori in Ungheria e a Vienna.
Il 3 novembre 1918 a Villa Giusti prima della sua abdicazione l’imperatore austriaco firmò l’armistizio con l’Italia.

Tags: ,