L’impero Romano

Ottavio affermando di voler restaurare la repubblica, che infine rimase formalmente in vita, governò in realtà come un monarca, col consenso dell’aristocrazia senatoriale, cioè penso bene di non ostentare troppo il potere acquisito: ogni volta che voleva far votare una legge, la presentava ossequiosamente al Senato che, pago dell’omaggio formale alla perduta sovranità , aprovvava senza discutere. Suddivise l’impero in due tipi di province: quelle senatoriali, strategicamente meno importanti, e quelle imperiali, governante direttamente da suoi rappresentanti e caratterizzate dalla presenza dell’esercito. L’Egitto non fu inquadrato nel sistema delle province, ma considerato possesso dell’imperatore e da lui direttamente governato: le grandi ricchezze provenienti da quelle terre, da cui Ottavio attingeva per finanziare le feste, i giochi, le donazioni alla plebe e ai soldati, che costituivano un ingrediente fondamentale del suo potere. Augusto attuò una politica di espansione decisamente più contenuta rispetto al passato. A Oriente l’azione principale fu l’intervento contro l’impero dei parti per il controllo dell’Armenia, mentre la campagna intraprese a Occidente fissarono il confine dell’impero lungo il Reno e il Danubio. Ma Augusto non aveva eredi, perchè sia che in famiglia fossero di salute cagionevole, sia che Livia (seconda moglie) facesse uso abbondante di veleno, i discendenti di sangue gli erano tutti morti.
Così al trono di Roma, quel trono di cui nessuno ancora voleva ammettere l’esistenza, nel 14 salì Tiberio, figlio di primo letto di Livia. I romani in Svizzera c’erano fugacemente già stati in precedenza con le campagne nel 16 d.C. guidate allora dai generali Tiberio e Druso. I Romani vi avevano lasciate pochissime tracce di insediamenti, rarissime colonie, per il poco interesse che quelle terre avevano suscitato. Una zona allora totalmente forestificata, quasi tutta disabitata o arcaicamente abitata, che oggi chiamiamo Grigioni e sud Tirolo. Le popolazioni di quelle valli furono chiamate per la prima volta Reti e ancora oggi esiste un piccolissimo paese chiamato Retia (in italiano Resia). Claudio con la sua legione ripercorre questo sentiero e fonda una piccola colonia, Glorenza.
Ma neppure lui morì di morte naturale: il folle Caligola, suo pronipote ed erede, nel 37 lo fece strangolare. Dopo quattro anni di crudeltà , i pretoriani dissero basta e scannarono Caligola all’uscita del circo.
La famiglia stava estinguendosi. Non rimaneva che il maturo zio di Caligola, Claudio (41). Timido, zoppo e balbuziente, era in realtà un uomo clemente ed erudito. Diede impulso a grandi opere pubbliche. Quando l’incauta sposa (Valeria Messalina) cercò di rubagli il trono per regalarlo all’amante, dovette suo malgrado sopprimerla. Nel 42 si ha l’annessione della Mauritania, nel 44 della Giudea, nel 46 della Tracia. I romani erano venuti in contatto già nel 50 con i Briganti, una delle più famose tribù dell’isola di Gran Bretagna; che non era solo una piccola tribù ma una confederazione di tribù. A comandare questa nuova spedizione troviamo prima Ceriale e poi Frontino. Una campagna la prima che fu contraddistinta da numerosi e violenti scontri campali, mentre la seconda rivolgendo l’attenzione anche a occidente dell’isola riuscirono a soggiogare i Siluri, completando così la conquista del Galles. In questa zona i romani dovettero affrontare una popolazione che non era dedita all’agricoltura, il che impediva l’eventuale saccheggio alimentare che occorreva ai ribelli per vivere, ma erano tribù che vivevano esclusivamente di caccia o quanto trovavano nella selvatica vegetazione spontanea. Comparivano e scomparivano in luoghi diversi. Fu quindi necessario adottare una strategia, costruire una strada militare fiancheggiata lungo il suo corso da postazioni fortificate e da torri di guardia, poteva essere impiegata per isolare territori difficili e contribuiva al suo effettivo controllo, spostando velocemente da una posizione all’altra i soldati necessari. Agrippina ansiosa di spianare la strada al suo unico rampollo, il diciassettenne Nerone, la matrona si liberò in tutta fretta dell’anziano marito con una porzione di porcini avvelenati e prese il potere, nel 54.
Non concesso alle donne di ricoprire in prima persona le cariche politiche, ma esercitarle attraverso mariti, figli e amanti, Nerone, accantonate le velleità teatrali, divenne imperatore. Il potere degli imperatori, in particolare con Caligola e Nerone, assunse caratteri molto autoritari.
Inoltre furono introdotti nel cerimoniale di corte elementi tipici di venerazione per il monarca, secondo l’uso orientale: per esempio gli inchini e il bacio dei piedi. Per questo motivo Caligola fu ucciso in una congiura e Nerone fu rovesciato da una ribellione appoggiata dal Senato (68).
Segui un anno di guerre civili, provocate dagli eserciti stanziati nelle diverse province, che tentarono di imporre come imperatore il proprio comandante. Alla fine del 69, con l’appoggio delle legioni d’Oriente, ebbe la meglio Vespasiano (69-79), che diede inizio alla dinastia dei Flavi. Vespasiano dovette inizialmente affrontare il problema della rifondazione del principato. Vespasiano, allora, rinnovò profondamente il Senato inserendovi molti esponenti delle classi ricche delle province e con il loro appoggio ottenne l’approvazione per una legge che definiva il potere del principe (legge di Vespasiano sul governo). In questo modo il principato non si basava più sul compromesso tra l’imperatore e il Senato di Roma, ma diventava un’istituzione dello Stato romano, riconosciuta dalla legge. Nel 70 distrusse Gerusalemme. Gli ebrei furono massacrati e i sopravissuti vennero deportati come schiavi dai Romani. Da allora gli Ebrei si sono dispersi nel mondo dando luogo alla cosiddetta diaspora (dispersione). Giulio Agricola nel 77 sbarca in Britannia. Con un attacco improvviso si impadronì perfino dell’isola di Mona, il covo dei Druidi.
Nel 96 il Senato mise fine alla dinastia flavia con una congiura contro Domiziano e impose quale imperatore un proprio rappresentante: Nerva (96-98), dal quale ha inizi la dinastia degli Antonini. Con lui si affermò come principio di successione l’adozione del migliore: l’imperatore sceglieva come suo successore una persona di elevate qualità morali e politiche.
Nerva sclse un abile generale spagnolo, Traiano (98-117), che fu il primo imperatore di origine provinciale. Egli fece giungere l’impero romano alla sua massima estensione nel quale 106 viene annesso il regno dei Natabei (attuale Siria e Giordania) che diviene la provincia dell’Arabia petra.
Siamo ormai al tempo del massimo splendore della civiltà latina: sotto Traiano e Adriano (117-138), tutti gli abitanti liberi dell’impero godono della cittadinanza. Nell’urbe la gente mangia bene, prende il bagno tutti i giorni, e i più, donne comprese, sanno leggere e scrivere. Gli orfani sono mantenuti dallo Stato, i lavoratori hanno le ferie. Di laggiù, il cinese Figlio del Cielo saluta col nome di An-tun Marco Aurelio Antonino (116-180). Ma già l’economia ristagna, i barbari sono alle porte. Mentre Roma è all’apogeo, il tarlo della decadenza lavora implacabile sotto i marmi del Palatinato.
Le 3 campagne di Marco Aurelio in Germania sono molto importanti, perchè sono le prime campagne fatte da un imperatore per ricacciare nella propria terra dei barbari che invadono il territorio romano. La prima delle 3 campagne militari condotte da Marco Aurelio incominciò nel 167, tutto a causa di 3 popoli: Catti, Longobardi e Obii, che mossero contro le quasi sguarnite frontiere dell’impero, non riuscendo ad oltrepassarle, ma comunque mettendo in seria difficoltà legionari e ausiliari stanziati sul limes a partire dall’Alto Reno fino al Medio Danubio. Dopo questi eventi tentarono la fortuna contro i Romani anche numerosi altri popoli, tra cui i Marcomanni, i Quadi, numerose altre popolazioni minori e in piccola parte anche i Vandali. Il gran numero di tutti questi popoli, insieme, aggiunto alla scarsezza delle difese romane, permise ai germani di attraversare il confine e di razziare tutto quello che trovavano sul loro cammino. Le notizie, come era ovvio, arrivarono a Roma con un po’ di ritardo, dovuto ai mezzi dell’epoca, e quindi Marco Aurelio partì da Roma solo il 15 maggio. Il 1 gennaio del 169 con un impero finalmente libero dai barbari morì Lucio Vero, mentre l’esercito vincitore tornava a Roma. Dopo aver celebrato i funerali di Lucio Vero e aver cercato di migliorare la situazione della popolazione, Marco Aurelio dovette ripartire verso nord per via delle terrificanti notizie che giungevano a Roma. Marco Aurelio decise che questa volta non era solo una legione ad attaccare, ma l’intero esercito dell’imperatore. Per questo motivo pose il suo quartiere generale in Pannonia, a Carnuntum, e da qui attaccò il territorio dei Quadi dove si stavano radunando diversi popoli. La sua strategia era quella di penetrare in profondità e di attaccare tutti i popoli uno alla volta, non permettendo ai barbari di allearsi e di formare un unico grande esercito; così affrontò, nell’ordine: Quadi, Svebi, Marcomanni, diverse tribù germaniche e Sarmati. Verso la metà dell’estate del 174 credeva di aver finito con la sua opera e pensava che i Germani avrebbero finalmente cessato di attaccare i Romani. La terza e ultima campagna militare in Germania comincia quando i Marcomanni riprendono a dare problemi ai romani sul confine, senza però riuscire a sfondare in gran numero; in ogni caso si richiede la presenza dell’imperatore. Marco Aurelio parte per la Germania nei primi mesi del 178. Marco Aurelio parti con 20.000 uomini e il figlio, alla volta di Carnuntum (nei pressi di Vienna), dove ad attenderlo c’è il grosso dell’esercito. Una volta arrivato scopre che non sono solo i Marcomanni ad attaccare, ma anche altri popoli, così deve affrontare nell’ordine: Sarmati, Buri, Ermunduri, Marcomanni e Quadi. Marco Aurelio si sbarazza velocemente di tutti i barbari che si oppongono alla sua avanzata e affonda nel territorio della Germania come un coltello caldo nel burro. Le condizioni poste per la nuova pace furono ancora più gravi delle precedenti e obbligarono i germani a ritirarsi nelle selve isolati in piccoli gruppi, e soprattutto a pagare tribuni immensi di oro, bestiame e schiavi.
Marco Aurelio morì il 17 marzo del 180 d.C. di malattia, il quale invece lasciò come erede il figlio Comodo. Quest’ultimo si rivelò incapace di affrontare la crisi che cominciava a indebolire l’impero e governò in modo autoritario e dispotico. Pertanto suscitò un grave malcontento in particolare nelle classi elevati, che lo eliminarono infine con un complotto (192). Segui un periodo di lotte civili, dalle quali uscì vincitore Settimo Severo (193-211), proclamato imperatore dalle proprie legioni. Con lui ebbe inizio la nuova dinastia dei Severi (193-323), che basò la sua autorità prevalentemente sull’appoggio dell’esercito. A differenza degli imperatori precedenti, che avevano in genere cercato il consenso del Senato, i Severi lo relegarono ai margini della vita politica, instaurando una monarchia militare che, se non riuscì a bloccare la crisi dell’impero, ne difese però con successo il territorio.
Nel 235, i soldati della Germania proclamano imperatore Massimino, il primo barbaro sul trono romano, fino al 258. Fu ucciso dai suoi soldati. I barbari entravano sempre più nelle file degli eserciti romani.
L’impero raggiunse proporzioni non più governabili. Il tentativo di arginare la crisi dell’impero fu compiuto da Diocleziano (285-305). Per cercare di rendere governabile l’impero e di regolamentare la successione imperiale, Diocleziano lo divise in due parti, l’Oriente e l’Occidente. Le due parti dovevano essere governate da due augusti, affiancati da due collaboratori, detti cesari; dopo vent’anni i due cesari sarebbero succeduti ai rispettivi augusti, scegliendo a loro volta altri due cesari.
Per i Germani le fertili pianure e le ricche città dell’impero costituiva un forte polo di attrazione. Fin dal II secolo i romani dovettero fronteggiare periodiche incursioni di tribù germaniche all’interno dei propri confini. Erano spedizioni che avevano come obiettivo il saccheggio e la razzia. Non si trattava di autentici tentativi di invasione, perchè i barbari, dopo aver fatto bottino, tornavano alle loro sedi e non avevano intenzione di stanziarsi in territorio imperiale. Queste misure non riuscivano a frenare le incursioni barbariche. Soltanto a partire dalla seconda metà del III secolo l’impero ridiede una ceta sicurezza alle terre di confine, dapprima con una serie di vittoriose campagne militari. Inoltre furono arruolati, con crescenti frequenza, dei volontari barbari. Per tenere a freno le incursioni germaniche, l’impero cominciò a ricorrere alla diplomazia piuttosto che alle armi. Sempre più spesso concesse l’ingresso pacifico di tribù germaniche in territorio romano. Alla fine del III secolo colonie di prigionieri barbari furono insediati ad opera dello stesso impero. La condizione di questi coloni era quella di contadini-soldato al servizio dell’impero. Contemporaneamente l’impero avviò una politica di alleanze con tribù germaniche insediate a ridosso dei propri confini. Esse mantenevano la propria indipendenza, ma si impegnavano a difendere i confini dell’impero da incursioni esterne, in cambio di denaro e di eventuale aiuto o protezione militare. Questi popoli presero il nome di federati dell’impero.
Teodosio (383-395) formalizzò anche la divisione dell’impero in due parti, assegnando al figlio Arcadio la parte orientale e a Onorio la parte occidentale.

Libro, La monnier- Storia progetto modulari / Libro, Edizioni Scolastiche Bruno Mondatori- Il lavoro dell’uomo / CD, Rizzoli Larousse- Enclopedia multimediale / Libro, European book Milano-Atlantica Junior n.7 / Internet-Crnologiat / Libro, Edizioni il capitallo-Le radici del mondo attuale / Internet- Compendi di Storia / Internet- Calamo

Tags: , , , ,