Sanniti: la guerra sociale e la guerra civile

LA GUERRA SOCIALE

Una lega, capeggiata dal marsico Silone e dal sannita Mutilo, e composta da Marsi, Peligni, Vestini, Marrucini, Asculani, Frentani, Pentri, Irpini, Venusini, Iapygi, Pompeiani e Lucani mosse contro Roma, sfruttando il fatto che l’esercito romano era composto prevalentemente da loro stessi. I romani, approfittando dell’inverno, composero un esercito, in cui vi erano anche spagnoli, galli e africani, provenienti dalle neo-colonie. La lega italica aveva come capitale Corfinium.

I Marsi ottennero molti successi: Asculum, Firmum, Carseoli, Alba Fucens, Amiternum. Nel 90 a.C. Gaio Mario, nativo di Arpi e quindi sabello, divenne comandante in capo e ottenne delle vittorie nella valle del Liri, forse con l’aiuto di Silla. Egli aveva capito che doveva combattere in territori più favorevoli al suo esercito poco esperto.

La rivolta si diffuse anche al sud e diverse furono le città apule che insorsero. Mutilo prese parte della Campania, in particolare la città di Nola, che Annibale non era riuscito ad espugnare, mentre Aesernia cadde dopo un lungo assedio. Tuttavia la lega non inferse a Roma il colpo finale. I romani si difesero, arruolando anche liberti, e presso Acerrae ottennero una vittoria su Mutilo. Anche gli umbri e gli etruschi insorsero.

A questo punto, il console L. Giulio Cesare propose la Lex Julia che concedeva la cittadinanza romana (quindi tutti i privilegi) a tutte le popolazioni che avessero fatto richiesta. In realtà queste popolazioni potevano esercitare il diritto di voto solo dopo che le altre 35 tribù collegiali lo avevano fatto, cioè quando l’esito del voto era avvenuto. Gli umbri e gli etruschi aderirono subito e passarono dalla parte dei romani.

Dall’89 a.C. iniziarono le sconfitte degli italici. Silla sottomise i sanniti, mentre i marsi cominciavano ad indietreggiare sotto l’avanzata del console Strabone, nelle cui file militavano i giovani Cicerone e Pompeo. La capitale italica fu spostata prima a Bovianum e poi ad Aesernia. Asculum cadde sotto il controllo romano.

L’89 a.C. vide la marcia su Roma delle truppe di Silla, contravvenendo ad una delle leggi romane più antiche. Questi voleva riprendersi il potere sottrattogli dal tribuno Sulpicio che aveva proposto una legge secondo la quale agli italici spettava la partecipazione al voto direttamente nelle 35 tribù e che aveva destituito lo stesso Silla dal comando dell’esercito che doveva muovere guerra a Mitridate nel Ponto.

Silla si proclamò dittatore ed attuò delle misure repressive nel mondo politico romano che contribuirono involontariamente ad alleggerire la pressione attorno alla lega italica. Mario, amico di Sulpicio, era scappato in Africa. Silla quindi partì per l’oriente.

Nell’88 a.C., la lega affidò il comando delle operazioni militari a quattro generali, probabilmente meddices, non ottenendo però particolari successi di rilievo. I lucani cercarono di coinvolgere anche i bruzi ed i siciliani nella rivolta, attuando episodi di guerriglia, ma la loro azione venne fermata presso Rhegium, dove si trovava un avamposto romano. Il proconsole Metello Pio riportò diverse vittorie in Apulia. Intanto a Roma il console Cinna aveva idee molto vicine a quelle di Sulpicio e, assieme al generale Sertorio, che sarà protagonista della guerra in Spagna contro Pompeo, fuggì dalla città.

Seguendo l’esempio di Silla vi ci ritornò nell’87 a.C. con un esercito. Mario tornò dall’Africa e svolse la sua attività a favore di Cinna in Etruria. Il Senato richiamò l’esercito di Strabone, ma questi temporeggiò, allora fu chiesto a Metello Pio di stabilire una tregua con i sanniti. Questi però rifiutò di aderire alle loro condizioni (concessione dei cittadinanza, conservazione dei bottini, restituzione dei prigionieri). Invece Cinna e Mario le accettarono e siglarono un accordo, la cui validità era legata al successo dei due romani.

I sanniti, quindi, aiutarono i due a prendere il potere e la guerra sociale finì con la concessione della cittadinanza agli italici. Dall’87 al 83 a.C. Roma e la Repubblica conobbero un periodo di tranquillità.

LA GUERRA CIVILE

Nell’83 a.C. Silla tornò in Italia dal Ponto, sbarcando a Brindisi, e divampò la guerra civile.

I popolari erano contro l’aristocrazia filo sillana. All’inizio i sanniti si mantennero neutrali, fino al momento in cui il dittatore romano strinse un accordo di pace con i popoli italici che escludeva di fatto i sanniti stessi. Silla odiava i sabelli, in quanto era anti-mariano ed i suoi antenati avevano lottato contro i sanniti nella terza guerra.

Il dittatore romano era diretto in Etruria dove erano presenti i mariani. I sanniti lo affrontarono presso Colleferro, a Sacriportus, assieme al console Mario il Giovane ed alcuni popolari. Silla vinse e fece massacrare a sangue freddo solo i sanniti, mentre i mariani si rifugiarono a Praeneste, dove furono assediati.

Altri sabelli, resisi conto della determinazione del dittatore che in quel periodo stava in Etruria, si unirono alla guerra civile e mossero verso Roma, ma vennero sconfitti a Porta Collina (82 a.C. – Monte Antenne) soprattutto per l’intervento di Crasso. 8.000 sanniti prigionieri furono condotti a Campo di Marte e massacrati. Le loro teste furono portate a Praeneste, come monito di resa. Così la città capitolò con altre esecuzioni di sanniti. Fu la fine della guerra civile.

Silla perpetuò un’eliminazione sistematica dei sanniti e devastò interi villaggi fino all’80 a.C.. Per capire il segno lasciato da questa politica è significativo come Lepido, nemico di Silla, non sia riuscito a coinvolgere il Sannio nella sua attività.

I sanniti rifecero la loro comparsa sulla scena politica con Spartaco nel 71 a.C. e con Catilina nel 63 a.C., sempre per dimostrare il loro spirito di rivolta. Con il trascorrere del tempo, i sanniti ottennero la cittadinanza romana e, in particolare durante l’impero di Augusto, originario di Boville, i loro territori entrarono di diritto nei municipia. Diedero vita a valorosi generali e uomini politici. Il più famoso di questi è certamente è Ponzio Pilato.

Bibliografia
“Il Sannio e i Sanniti” Salomon, Einaudi
“Storia di Roma” Livio
“Storia di Roma” Momsen

Tags: , , ,